Miglior Cuscino per la Cervicale

Come scegliere il migliore cuscino cervicale per le proprie esigenze

La cervicale è un problema comune a moltissime persone. Ed è legata soprattutto ad una cattiva postura durante il giorno, adottata soprattutto se si svolgono lavori sedentari e da ufficio. Ma a volte è causata anche da un materasso o un cuscino di scarsa qualità, oppure non adatto alle nostre esigenze. Una soluzione è scegliere un cuscino cervicale per poter dormire bene, durante la notte. In questo articolo vi spiegheremo come sceglierne uno adeguato per le proprie esigenze.

Cos’è la cervicale

Chi ha una vita molto sedentaria lo sa. Se si svolge un lavoro da ufficio e si sta seduti per otto ore al giorno, magari davanti ad un computer, è facile soffrire di dolori alla cervicale.
Quando si parla di “avere la cervicale” oppure “soffrire di cervicale” significa avere forti dolori alla zona del collo, a causa di una posizione scorretta adottata per molto tempo. Si tratta quindi di un indolenzimento dovuto alla compressione delle vertebre.
Quando si parla di “cervicale” si fa solitamente riferimento ad un dolore ad un’area del corpo, quella delle vertebre cervicali appunto, che si infiammano quando il nostro collo o la nostra testa si trova in una posizione scorretta per diverse ore. Uno dei casi più comuni è quello di chi lavora per molte ore al computer, assumendo una posizione sbagliata, oppure dorme con un cuscino non adatto alle proprie esigenze.
L’area della cervicale è molto importante, per il nostro benessere. Infatti, collega il nostro corpo e la colonna vertebrale alla testa, e tutte le terminazioni nervose passano proprio in questa zona.
Quando la zona della cervicale è sottoposta ad uno stress il dolore al collo e alla testa può diventare così forte da trasferirsi spalle e nelle articolazioni superiori, provocando i famosi giramenti di testa e anche nausea. Ma non è solo la postura a causare la cervicale. Anche le contrazioni muscolari, dovute a traumi e stress.

Cos’è un cuscino cervicale

Per riposare bene è fondamentale che testa, collo e spina dorsale siano allineati. E oltre al materasso, anche il cuscino serve per raggiungere questo obiettivo. Un cuscino cervicale serve proprio a questo. Ovvero a fare in modo che il vostro corpo sia allineato. Il cuscino, sostenendo testa e collo, farà in modo che la vostra colonna vertebrale sia mantenuta in posizione corretta. E di conseguenza i muscoli e respirazione riprenderanno a funzionare a dovere.
La prima domanda da farsi è: si tratta di cervicale oppure no? Molto genericamente si parla di dolori al collo, ma non sempre si tratta di cervicale. Ma anche la cervicale non è uguale per tutti. Quindi non tutti possono utilizzare lo stesso cuscino per risolvere la propria problematica. Ci sono persone che necessitano di un cuscino più flessibile, altre invece che dovrebbero usarne uno più rigido. L’ideale sarebbe consultare il vostro medico di fiducia, prima di orientarsi su un cuscino in particolare. In questo modo avrete la certezza della patologia.

Modelli di cuscini cervicali

Come potrete facilmente immaginare, la scelta del materasso è molto importante, quando si parla di cervicale. Serve a sostenere il corpo, e ne esistono modelli anche molto diversi tra loro. Difficile quindi dire quale sia il migliore. È necessario scegliere in base alle proprie caratteristiche fisiche, come peso, posizione preferita per dormire, e comfort, in generale. Lo stesso vale per il cuscino.
Scegliere il modello di cuscino cervicale giusto è fondamentale per prevenire i dolori alla cervicale e per curarli. Con il cuscino giusto potrete far sparire completamente i dolori.
Il cuscino ideale non esiste, per scegliere quello più adatto alle proprie esigenze si deve partire dalle abitudini. Quindi cercate di capire la posizione in cui dormite, e le vostre caratteristiche fisiche, come corporatura e altezza.
La prima grande distinzione tra le varie tipologie di cuscini cervicali è quella tra cuscini da utilizzare distesi e quelli da utilizzare seduti. Questi ultimi sono quelli indicati per i viaggi in aereo o in auto. Ci sono alcuni modelli ergonomici, che correggono la postura durante il sono. La loro forma è ondulata per aiutare la circolazione sanguigna. Ci sono poi altri cuscini a forma di cilindro. Questi potrete posizionarli sotto al collo, per alleggerire la colonna vertebrale, e mettere le vertebre in trazione. In questo modo, il collo si rilasserà e la sua linea seguirà la normale curvatura del corpo. Altri cuscini ancora sono quelli termici. Il calore infatti porta numerosi benefici al corpo e genera benessere anche nella zona della cervicale, favorendo la circolazione sanguigna.
Ci sono poi altri modelli ancora, elettrici. Grazie all’elettricità, questi cuscini compiono un massaggio sulla zona cervicale, con piccole, ma continue vibrazioni elettriche.

Cuscino cervicale da viaggio

Come dicevamo, il modello di cuscino cervicale da viaggio è ideale per chi viaggia molte ore in auto, in treno o in aereo, e soffre di cervicale. Spesso infatti, a causa di posizioni scomode o sbagliate, mantenute per diverse ore, è facile che il dolore alla cervicale diventi insopportabile.
Uno dei più diffusi è il modello classico ridotto. Ridotto perché ha dimensioni più contenute per essere facilmente trasportabile. Questi cuscini sono venduti in confezioni che li comprimono ancora di più per renderli il più piccoli possibile e poterli portare facilmente in giro. Alcuni modelli sono invece gonfiabili, come se fossero dei salvagenti, con la differenza di non essere a forma di ciambella, ma a forma di U per poter facilmente inserire la testa al loro interno.
I modelli da auto invece sono quelli indicati per chi trascorre molte ore al volante, magari per lavoro. Si tratta infatti di cuscini che vengono fissati al poggiatesta, mediante un laccio. E consentono di tenere il capo in posizione corretta, anche durante la guida. Questo farà in modo che i muscoli non si contraggano e che il guidatore mantenga una posizione corretta. Alcuni di questi modelli si scaldano, per questo vengono chiamati “scaldacollo”. In questo caso potrete godere anche del benessere generato dal calore sul vostro collo.

Quali caratteristiche dovrebbe avere

Le caratteristiche che dovrebbe avere un cuscino cervicale sono diverse. Innanzitutto, le dimensioni. Il cuscino per la cervicale serve proprio ad alleviare il dolore e consentire al collo di stare in posizione corretta. Struttura, forma e materiale devono adattarsi alla perfezione alle forma del collo, sostenendolo e donandogli sollievo.
Solitamente i cuscini per la cervicale sono realizzati con materiali rigidi, indeformabili ma elastici. Infatti, visto che questi cuscini hanno proprietà ortopediche non devono essere eccessivamente morbidi. Non devono deformarsi, altrimenti si rischia che perdano la loro efficacia.
Tra i materiali più utilizzati c’è il lattice, meglio se di origine naturale. Altri ancora sono quelli realizzati con la schiuma poliuretanica, viscoelastici, di tipo massaggiante. Si adattano perfettamente al collo e ne mantengono costante la temperatura.
Altro materiale ancora, molto utilizzato è il memory foam. Si adatta alle forme del collo mediante il calore che quest’ultimo rilascia naturalmente. In questo modo la sensazione di benessere per il collo sarà intensa, proprio grazie a questo calore sprigionato, e favorirà la decontrazione dei muscoli.
Sicuramente tra i cuscini migliori c’è proprio questo. Il materiale è infatti elastico e ipoallergenico.
Spesso una discriminante, per l’acquisto di un cuscino cervicale, è il prezzo. Però ricordate sempre che si tratta di salute. Quindi privilegiate altri aspetti, come ad esempio la qualità di materiale utilizzato. Chiaramente il prezzo dipenderà dai materiali utilizzati e dalle caratteristiche del cuscino. Se naturale, sintetico, memory, lattice, schiuma espansa o altro. Anche l’azienda produttrice ha un certo peso. Se si tratta di un’azienda famosa il prezzo aumenterà.
Altra discriminante ancora, che potrà incidere anche sul prezzo, è la federa. Tra le più diffuse ci sono quella in Aloe Vera, che ha proprietà rigeneranti, antibiotiche, antifiammatorie e funghifughe. Altra tipologia di federa è quella in fibra d’argento, che ha proprietà antibatteriche, naturali, con un’ottima resistenza ai lavaggi.

Come scegliere un cuscino cervicale

Dormire in posizione supina su un cuscino troppo basso accentuerà la curvatura, ovvero la lordosi, per compensare quella dorsale. Quindi, per prima cosa, quando si sceglie un cuscino, bisogna fare attenzione alla larghezza. La larghezza del cuscino non dovrebbe essere inferiore a quella delle spalle. Invece lo spessore del guanciale deve adattarsi alla posizione in cui si dorme. Il cuscino basso va bene per chi dorme a pancia in giù, perché riduce la pressione del collo. Il cuscino medio è indicato per chi dorme supino, cioè sulla schiena. Deve essere più basso delle spalle e abbastanza duro, per offrire sostegno. Invece, il cuscino medio-alto è ideale per chi dorme sul fianco. Deve essere duro per mantenere testa e collo in linea con la spina dorsale.
Ma ricordiamo ancora una volta che non esiste un prodotto ideale e universale che vada bene per tutti, la preferenza di un tipo piuttosto che un altro è del tutto personale. In linea generale, in base ai prodotti attualmente disponibili, il cuscino migliore è quello che possiede le seguenti caratteristiche: deve essere lavabile e anallergico, traspirante, con sistema antiacaro permanente e costituito di un materiale a memoria di forma.

I migliori cuscini cervicali

Abbiamo individuato quali sono, per noi, i migliori modelli di cuscini cervicali.
Uno su tutti, il cuscino ortopedico terapeutico Supportiback con profili in memory foam, gel per dissipazione calore, federa ipoallergenica lavabile rimovibile. Questo cuscino è stato progettato da medici proprio per il dolore a collo e schiena. Infatti manterrà testa e collo in perfetto allineamento con la colonna vertebrale, indipendentemente che dormiate sulla schiena o sul fianco. I profili ortopedici sosterranno dolcemente testa e collo, distribuendo il peso e facendo pressione sulle aree sensibili. Dormendo in perfetto allineamento, potrete respirare meglio e russare di meno. La memory foam è sensibile alla pressione e ad alta densità, per abbracciare le curve e i contorni di testa e collo e adattarsi ai movimenti.

Altro modello consigliato è Dreamzie. Un cuscino ortopedico cervicale certificato OEKO-TEX e Certipur, per sostenere il collo e ridurre i colori alla nuca, con federa in fibra di bambù. Si tratta di un cuscino terapeutico “ad onda”, per mantenere la vostra colonna vertebrale ben allineata: che dormiate su di un lato o sulla schiena, vi aiuterà a ridurre i dolori cervicali. La Memory foam del cuscino ortopedico cervicale vi permetterà di disperdere le tensioni accumulate nella nuca, nel collo, nella schiena e nelle spalle, e la federa in fibra di bambù lascia passare l’aria.

Ultimo cuscino consigliato è Marcapiuma. Un cuscino in Memory Foam, a doppia onda, forato con fodera di protezione in cotone 100%. Questo guanciale memory bialveolato con fori di traspirazione è ortopedico contro dolore collo e cervicali. Grazie alla sua forma evita i punti di pressione, e accoglie la testa e le spalle garantendo un comfort elevato. Il rivestimento è in jersey 100% cotone,  elasticizzato con cerniera per un pratico lavaggio. Il cuscino invece non dovrà né essere lavato, né esposto al sole. Conservandolo con cura potrete godere dei suoi benefici a lungo.

Speriamo che questo articolo vi possa essere utile per l’acquisto del cuscino cervicale più adatto a voi.

Ultimo aggiornamento 2018-09-19. Risparmia con noi.

Miglior Cuscino per la Cervicale
5 (100%) 1 vote