Le migliori Canoe e kayak

Con l’arrivo dell’Estate si ha più voglia di fare sport e vivere la vita all’aria aperta. Uno degli sport più amati, soprattutto da chi cerca un contatto diretto con la Natura, è la canoa. O il kayak.
Se anche voi, magari dopo averla provata in mare o in un torrente di montagna, siete stuzzicati dalla voglia di acquistarne una, magari per continuare a fare attività fisica anche in vacanza, oppure come semplice divertimento, continuate a leggere.
Oggi vi spiegheremo le differenze tra le varie canoe presenti sul mercato. Inoltre vi suggeriremo quali sono secondo noi le migliori, per le diverse esingenze.
Infatti, la scelta di una canoa o di un kayak non è così semplice. E spesso ci si trova con una miriade di marche, modelli e materiali, che individuare il migliore diventa impossibile.

Differenza tra canoa e kayak

Prima di tutto, un piccolo chiarimento che riguarda la canoa e il kayak. Entrambe sono canoe, anzi a voler essere precisi, il kayak è una tipologia di canoa. Il nome canoa deriva dalle imbarcazioni molto comuni soprattutto nel Nord America. Invece il kayak proviene dalla tipica imbarcazione utilizzata dagli inuit.
Il kayak viene utilizzato con pagaia a pala doppia, grazie alla quale si può pagaiare da entrambi i lati. Invece la canoa si utilizza con una pagaia singola, da utilizzare da un solo lato. Rispetto alle canoe canadesi, tra le tipologie di canoe più diffuse, il kayak è più facile da utilizzare. Tanto che sempre più spesso, per le competizioni sportive, viene utilizzato quest’ultimo, anziché la classica canoa.
Inoltre, nel kayak, a differenza di alcune tipologie di canoa dove chi guida è in ginocchio, si sta seduti.
Altra caratteristica del kayak è la lunghezza, che può arrivare fino ai 5 metri, e di solito non è mai inferiore ai due metri, nei modelli più piccoli.
Questi ultimi modelli di kayak, più piccoli rispetto alla norma, vengono utilizzati in acque difficili, dove non è strano incontrare rapide e cascate. Il kayak di piccole dimensione in quelle situazioni è più facile da governare, rispetto alla normale canoa, o al kayak tradizionale.

Quali tipologie di canoe potete trovare sul mercato

Il mondo delle canoe e dei kayak, come dicevamo, è vastissimo. Infatti, i modelli presenti sul mercato sono tanti, molto diversi e pensati per affrontare diverse tipologie di corsi d’acqua, dal mare al torrente, al lago.
Una delle tipologie più diffuse sul mercato è la canoa canadese. Si tratta del classico modello di canoa, che si usa rimanendo in ginocchio e utilizzando una pagaia singola, pagaiando da un solo lato della canoa.
Le canoe canadesi possono essere di due diverse tipologie: monoposto o slalom. La monoposto si caratterizza per una sola pagaia e per essere portata da un unico canoista, che la manovra in ginocchio. Invece la slalom solitamente viene utilizzata nelle competizioni. Il canoista è sempre in ginocchio, ma utilizza l’espanso, un materiale che permette di avere una maggiore aderenza con la canoa.
Come dicevamo, una canoa particolarmente diffusa è il kayak, con una pagaia a pala doppia. Il kayak infatti viene utilizzato soprattutto nel turismo e nelle attività sportive su lago, fiume, mare e per la pesca. Inoltre, anche altre discipline, come le gare di velocità, gli slalom e la discesa utilizzano il kayak.

Le canoe rigide

Una tipologia di canoa molto diffusa è quella rigida, in plastica. Infatti le canoe rigide sono utilizzate soprattutto da chi ama il canoing. Le canoe rigide sono resistenti agli urti, grazie ai materiali impiegati nella loro costruzione. Quindi vengono utilizzate anche in situazioni più difficili. A patto che chi la porta sia allenato e preparato. Infatti, le canoe rigide hanno come caratteristica principale, la velocità.
Sono infatti utilizzate anche durante le competizioni di canottaggio, proprio per questa loro caratteristica.

Le canoe gonfiabili

Le canoe gonfiabili sono molto diffuse tra gli appassionati di canoa, perché sono tra le più resistenti. Infatti, le canoe gonfiabili possono attutire qualunque urto, senza paura di rotture.
E per tutti coloro che pensano che una canoa gonfiabile, proprio per il fatto di essere piena d’aria, sia soggetta a foratura: non è così.
Infatti grazie ad una struttura pensata apposta per il galleggiamento, anche in condizioni difficili, le canoe gonfiabili riescono a galleggiare comunque, grazie ad una distribuzione tattica delle camere d’aria. Ad ogni modo, tranquilli, i materiali utilizzati nella produzione di canoe gonfiabili sono tra i più resistenti. Infatti, sono realizzate soprattutto in PVC e nylon.

Come scegliere una canoa rigida o gonfiabile

L’aspetto che forse interesserà di più, chi deve scegliere se acquistare una canoa rigida o gonfiabile, è la praticità. Infatti, la canoa gonfiabile, proprio per la sua facilità nell’essere trasportata, vi permetterà di caricarla facilmente in auto.
Infatti, mentre la canoa rigida necessità di attrezzatura particolare per trasportarla, la canoa gonfiabile, una volta chiusa e riposta, ingombra poco più di una comune valigia da viaggio.
Questo vi permetterà di portarla sempre con voi, in occasione di vacanze al mare o in montagna.

Che cosa serve quando si usa la canoa

Una volta acquistata la vostra canoa o il kayak, vi serviranno alcuni altri accessori. Il primo di tutti, che proprio non potete dimenticarvi, è il giubbotto di salvataggio. Infatti fa parte della dotazione obbligatoria, quando si decide di utilizzare il kayak o la canoa. Soprattutto in determinate acque, più pericolose e imprevedibili.
Venendo sbalzati in acqua, grazie al giubbotto di salvataggio riuscirete comunque a restare a galla. Inoltre, i giubbotti di salvataggio servono anche per tenere il torace al caldo, qualora si finisse in acqua.
Altro attrezzo che vi servirà, soprattutto se avete deciso di acquistare una canoa gonfiabile, è la pompa manuale. Infatti, grazie ad una pompa manuale non vi servirà una presa elettrica, ma potrete gonfiare la vostra canoa in qualunque momento e in qualunque luogo.

Canoa e kayak per mare o fiume: quali sono le differenze

Il kayak o la canoa che viene utilizzata in mare è molto diversa da quella utilizzata sul fiume o sul lago. O comunque, su qualunque acqua non salmastra. Quelle da acque bianche, ovvero lago o fiume, sono più corte. Questo perché in condizioni di poco spazio, come può essere un torrente, è fondamentale avere la massima manovrabilità possibile. Solitamente un kayak che viene utilizzato in un fiume non ha lunghezza superiore ai due metri.
In mare invece si usano kayak o canoe più lunghe, che di solito vanno dai quattro metri e mezzo, ai cinque metri e mezzo. Questo perché in mare è necessaria l’aerodinamica. I kayak o le canoe più lunghe sono più veloci. Inoltre in mare, quando si fanno escursioni che possono essere più lunghe, in durata, di quelle effettuate sui fiumi, necessitano anche di spazi, chiamati gavoni, per poter riporre borse e provviste di acqua. Quindi ecco spiegate le dimensioni.

Quali sono le migliori canoe sotto i 200 euro

Ci sono in commercio ottime canoe con un prezzo inferiore ai 200 euro. Un buon modello è la Intex 68307np Canoa Explorer K2 con remi alluminio, per due persone. Lunga 3,12 metri, con remi in alluminio, comprende già una pompa manuale. La sua portata massima è di 160 kilogrammi e permette di essere utilizzata da due persone. Questo modello ha il fondo gonfiabile, ed è perfetta per l’utilizzo al lago e piccoli fiumi.
Altro modello molto valido, per chi desidera avvicinarsi al mondo della canoa, sia come prestazioni, che come prezzo, sempre inferiore alle 200 euro, è la Intex Challenger K2. Si tratta di un kayak gonfiabile per due persone con remi di alluminio. Più lunga rispetto alla precedente, questa arriva ai 351 centimetri. Anche questo kayak include pompa manuale e remi in alluminio.
Per chi ama utilizzare la canoa in mare o in acqua dolce, c’è il modello della Media Wave lunga 320 centimetri con capacità di carico di 120 chili. Perfetta per un adulto in compagnia di un bambino. Questa canoa è adatta sia per acqua dolce che per acqua salata.
Infine, c’è la Jilong Pathfinder I, un kayak doppio economico, ma resistente in PVC. Inoltre, questo modello è anche molto pratico da gonfiare e sgonfiare, grazie alla valvola Boston. Infine le due pinne assicurano la stabilità e la rete a poppa mantiene fermi i bagagli.

Migliori canoe sotto ai 300 euro

Di un livello più professionale, ci sono alcune canoe e kayak, che mantengono comunque un costo accessibile. Tra i kayak con prezzo inferiore ai 300 euro troviamo il Sevylor Colorado Premium a due posti. Facile da gonfiare e sgonfiare, e con una grande capacità di carico.
Interessante anche il kayak Aquaglide Columbia lungo 409 centimetri, per due persone, oppure da una sola persona, lungo 345 centimetri.
Sempre sotto ai 300 euro troverete anche la Canoa RTM YSAK ad un posto.

Le migliori canoe professionali

Tra le migliori canoe professionali troviamo quelle del marchio Banana, un’azienda tedesca che fornisce una grande cura ai dettagli ed è sicuramente una tra le migliori presenti sul mercato.
Di altissima qualità anche quelle firmate Mycanoe, particolarmente leggere e resistenti. Il modello Origami ad esempio è pieghevole e portatile, con i suoi 2,9 metri.

Se sei interessato ai Paddle ecco qui dove trovarli al miglior prezzo

5/5 (1 Review)